Naturopatiacensani

Vai ai contenuti

Menu principale:

" Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere "       

Mahatma Gandhi

… Il mio percorso è molto simile a quello di tanti; ad un certo punto della tua vita accade qualcosa che ti costringe a vedere dentro di te, a cercare una nuova strada, a renderti conto che troppe cose della tua vita sono state fatte per gli altri ma ben poche per te stesso.

    E’ questo di solito un momento molto duro, difficile, doloroso, dilaniante e di una sofferenza profonda, che ti lascia senza fiato e senza speranza … Ma ecco che la Vita ti fa intravedere una piccola luce, una sensazione nuova, un nuovo modo di poter pensare e sentire, ti offre la soluzione di una strada nuova … la strada del tuo Cuore.

    E’ stato così che è iniziata una nuova stagione della mia vita e mi sono avvicinato alla Naturopatia ed all’Olismo.
E’ stato facile far andare le cose per il loro corso ed incontrare le persone e le cose migliori per quel momento, quelle che via via mi accompagnavano per quel tratto di strada e che si rivelavano così dei preziosi compagni dai quali potevo avere tutto senza mai dover chiedere nulla …

    E questo cammino mi accorgo sempre più che lo sto svolgendo dentro me stesso, che i veri passi dell’avanzare li compio nel mio animo e che sono alimentati da poche essenziali indicazioni: l’accettazione, il rispetto, l’ascolto, l’amore per me stesso e per gli altri. Un cammino che non ha una meta definita, come lo hanno i sentieri delle mie amate montagne, se non nel raggiungere un’armonia che sento ci deve essere, fra me e gli altri, fra me e la mia vita.

    E ora desidero mettere al servizio degli altri ciò che sto imparando continuamente, con l’ausilio delle tecniche sapienti che ho acquisito, per poter ridare ciò che ho avuto, per poter trasmettere a qualcuno quella scintilla di incoraggiamento e cambiamento, quel gesto di indicare di poter seguire con fiducia una nuova strada, la strada del proprio Cuore.


Questo sito e tutto il mio lavoro voglio dedicarlo a Luigi, ad Attilio e a tutti coloro che in un modo o nell’altro mi hanno e mi stanno mostrando cosa è la mia vita.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu